lunedì 4 maggio 2009

BenFoggiaCalcio - Foggia-Lanciano 4-1


Il Foggia segna 4 gol tutti insieme e gioca una delle migliori partite del campionato. E lo fa proprio nella domenica in cui, complice la presenza in città di un amico che vive a Roma, ho deciso di non andare in Tribuna Stampa tra i giornalisti ma vedere la partita in Curva Sud, come ho sempre fatto da quando avevo 6 anni. E abbiamo vinto 4-1. E mi sono divertito. Meglio di così? Intanto il ci avviciniamo ulteriormente alla zona play off. Dimenticavo: c'è bisogno di dire che avevo previsto la vittoria su “L'Attacco”?


Gianni è un amico foggiano che vive a Roma, dove oltre a fare il giornalista serio cura il blog satirico vocidipopolo, insieme abbiamo pubblicato delle cose e altre ne stiamo preparando. Stando a Roma quest'anno ha visto solo le partite in trasferta su Conto Tv, quindi ha assistito ad una sola vittoria rossonera, in pratica ha speso 70 euro per rovinarsi il fegato. Ho deciso quindi di vedere la partita con lui in Curva Sud, come ho fatto da quando avevo sei 6 anni fino all'anno scorso, quando il giornale mi ha trasferito in tribuna stampa.

Entrati nello Zaccheria ci sediamo all'estrema sinistra, dove si può stare un po' più tranquilli.

Il Foggia parte alla grande, al 7' Mancino segna di testa, al 13' Germinale raddoppia. Tra l'altro portiere del Lanciano si chiama Aridità, ad occhio e croce non mi sembra un cognome che porta fortuna. Addirittura al 25' ci sarebbe anche il terzo gol, ma l'arbitro annulla la rete di Lisuzzo. Manco il Barcellona gioca così, Gianni è stupito positivamente perché abituato ai lanci lunghi del Foggia delle trasferte. Sono contento anche io perché qui in curva posso finamente esultare senza problemi, volendo potrei anche urlare parolacce, ma la partita va così tranquilla che non avrò modo di prendermela né con i nostri né con l'arbitro. Gli abruzzesi provano a riaprire la partita, ma la fortuna è con noi, e così prima Romano colpisce l'incrocio dei pali e l'arbitro annulla per fuorigioco un gol segnato da Morante. Il primo tempo termina con Germinale che si mangia un gol fatto. Il tizio che sta dietro di me gli grida “assassino”, e meno male che vinciamo 2-0, senò come minimo scendeva a paliarlo.

Nell'intervallo scopriamo che siamo così tanto lontani dal centro che da queste parti non passa nemmeno uno dei due venditori di Borghetti. Forse per questo anche in politica tutti si buttano al centro. Ai lati non ci si “abbusca” niente.

Nel secondo tempo il Foggia segna il terzo gol di testa, stavolta con Zanetti. A quel punto finisce il divertimento, i rossoneri tirano i remi in barca, gli abruzzesi provano a reagire ma non ci credono nemmeno loro. Al 40' Salgado dribbla tutta la difesa ospite, ma perde l'attimo giusto per tirare e si fa fregare dal portiere, peccato avrebbe meritato il gol. Allo scadere Amenta segna quello che una volta si chiamava gol della bandiera. Ma prima del triplice fischio dell'arbitro Germinale fissa il risultato sul 4-1, ora con il pareggio della Cavese i play off sono più vicini. In realtà ci sarebbe anche la possibile penalizzazione del Crotone per i problemi economici e la rissa prepartita di Arezzo, ma è inutile sperare in regali del giudice sportivo.

Gianni e la Curva Sud hanno portato fortuna, come ho scritto in settimana domenica per andare a vincere a Terni servirà anche un aiuto della dea bendata, ci vorrebbe una trasfusione di fortuna da parte di tutti i foggiani, fa niente se per un po' nessuno vince al gratta&vinci o alla Snai, ora bisogna andare in serie B, ubi maior minor cessat.

1 commento:

gianni ha detto...

grazie per questo momento di notorietà!
Giuann
p.s. In effetti potrei andare a terni! da roma è vicino...